La moviola della sesta giornata di Serie A

No Comments

Palermo-Juventus 0-1 (arbitro Valeri)

Primo tempo non semplice da gestire per Valeri che estrae 6 gialli (3 per parte) in 35 minuti: corrette le sue valutazioni. Nella ripresa, viene annullato un gol a Mandzukic che è in fuorigioco sulla punizione battuta da Dani Alves: attento l’assistente La Rocca.

Napoli-Chievo 2-0 (arbitro Di Bello)

Nel primo tempo è regolare la posizione di Hamsik sull’assist di Insigne in occasione del secondo gol. Al 73′ Floro Flores s’invola verso la porta partenopea e cade in area di rigore: Reina non lo tocca mentre il contrasto con Koulibaly è solo accennato e il difensore non commette alcun intervento negligente. Fa bene l’arbitro a sorvolare.

Torino-Roma 3-1 (arbitro Tagliavento)

Corretti entrambi i rigori fischiati da Tagliavento nel giro di due minuti. Bruno Peres sgambetta Belotti in area, dall’altra parte De Silvestri lo imita, una volta saltato da Perotti, anche se il contatto è meno vistoso del precedente. Interventi ingenui e rigori sacrosanti.

Genoa-Pescara 1-1 (arbitro Irrati)

Dopo 11 minuti il Genoa protesta: Ocampos devia a centro area un pallone proveniente dalla destra e c’è una respinta sulla linea di porta da parte di Zampano. Il difensore degli abruzzesi tira via il pallone dalla rete con la mano deliberatamente, come sottolineano i replay. Irrati e l’addizionale Russo non se ne avvedono. Doveva essere concesso un rigore al Genoa mentre Zampano andava sanzionato con il rosso per aver impedito la segnatura della rete ai rossoblù.

genoa-pescara

In un caso del genere può scattare la prova televisiva, ma il Giudice Sportivo dovrà ritenere sufficientemente chiare le immagini a disposizione. Il Grifone chiude la gara nuovamente in 9 (e il Pescara nuovamente in 11 contro 9): Edenilson commette un fallo tattico su Mitrita fermando una promettente azione avversaria, poi stende da dietro Caprari. Il doppio giallo è condivisibile. La seconda espulsione nasce da una spinta di Benali su Pandev, non ravvisata da Irrati: il fallo è evidente.

benali-genoa-pescara

Pandev si lascia, però, scappare una parola di troppo e viene punito con il rosso diretto.

Inter-Bologna 1-1 (arbitro Celi)

Sul punteggio di 0-1, Torosidis intercetta un cross di Candreva: il pallone gli sbatte prima sul piede sinistro e poi sul braccio in maniera assolutamente casuale. Giusto non ravvisare nessuna irregolarità. Perisic è in posizione regolare in occasione del diagonale vincente dell’1-1: sul lancio di Candreva, Maietta lo tiene in gioco con un piede. Valutazione non banale per l’assistente Cariolato.

Lazio-Empoli 2-0 (arbitro Fabbri)

Fabbri gestisce bene un match corretto. Nel secondo tempo viene fermato Immobile dall’assistente Valeriani per un off-side che non c’era.

Sassuolo-Udinese 1-0 (arbitro Doveri)

C’è una rete annullata all’Udinese al 94’: sul cross in area Perica colpisce di testa affossando Peluso. La spinta dell’attaccante dei friulani è netta: giusto l’annullamento della rete.

Fiorentina-Milan 0-0 (arbitro Orsato)

paletta-fiorentina-milan

Al 16’ del primo tempo viene graziato Paletta: il difensore abbraccia Kalinic vistosamente in area per poi colpirlo sul labbro con una manata; manca un rigore a favore della Fiorentina.

kalinic-fiorentina-milan

Orsato concede, invece, al 23’ il penalty alla Viola per la trattenuta di Calabria sulla spalla di Borja Valero: Ilicic parte in posizione regolare e mette il pallone in mezzo, il terzino strattona il centrocampista spagnolo e l’arbitro vede bene. Corretta anche l’ammonizione, dato che trattenute e spinte non rientrano nella modifica della regola della tripla sanzione, ma in questo caso manca un requisito fondamentale per configurare la chiara occasione da gol: il possesso del pallone che non era già più nella disponibilità di Borja Valero. All’ultimo minuto c’è un episodio che manda su tutte le furie il Milan: Luiz Adriano, appena oltre la linea mediana, parte in posizione regolare sul lancio di Locatelli e s’invola verso la porta.

luiz-adriano-fiorentina-milan

Tomovic lo stende da dietro e non colpisce il pallone, come Orsato spiega a più riprese giustificando la sua decisione.

tomovic-fiore

Il fallo è fuori area per pochi centimetri: ai rossoneri andava assegnato un calcio di punizione dal limite mentre Tomovic meritava il rosso diretto per l’evidente opportunità di segnare una rete negata.

tomovic-fiorentina

Fosse stato in area? A quel punto sarebbero scattati il rigore e il giallo in base al nuovo regolamento, dato che il serbo aveva tentato di intervenire sul pallone senza tuttavia riuscirci.

Pugno duro contro le bestemmie: 3 allenatori squalificati in 3 giornate

No Comments

Tre casi in nove giorni

Il vento sta cambiando e le ultime tre giornate di campionato tra Serie A e Serie B evidenziano un dato: tre tecnici sono stati squalificati per “avere proferito un’espressione blasfema”. Nello specifico si tratta di:

  • Rolando Maran, allenatore del Chievo, che nel match contro la Lazio “veniva chiaramente inquadrato dalle riprese televisive mentre proferiva espressione blasfema, articolata in due locuzioni, individuabili dal labiale senza margini di ragionevole dubbio”.
  • Moreno Longo, mister della Pro Vercelli, per aver “al termine della gara (Spezia-Pro Vercelli, ndr), nel tunnel che adduce agli spogliatoi, contestato una decisione arbitrale proferendo espressioni blasfeme”.
  • Serse Cosmi, tecnico del Trapani, “per avere, al 44° del secondo tempo (di Trapani-Spezia, ndr), proferito un’espressione blasfema; infrazione rilevata dal Quarto Ufficiale”.

Cosa dice il regolamento

Se tre indizi fanno una prova, è facile constatare che la soglia di tolleranza nei confronti di chi bestemmia si sia notevolmente abbassata da parte della Giustizia Sportiva. La Guida Pratica dell’AIA, in riferimento alla Regola 12, specifica al punto 52 che debba essere punita con l’espulsione o l’allontanamento ogni condotta che comporti offesa, denigrazione o insulto per qualsiasi motivo (colore, religione, sesso, nazionalità, origine territoriale o etnica, …) o configuri propaganda ideologica vietata dalla legge o comunque inneggiante a comportamenti discriminatori. L’uso di un linguaggio o di gestualità osceni, volgari irrispettosi, come pure di espressioni blasfeme deve essere considerato rientrare in detta previsione normativa. Al verificarsi di tali infrazioni, constatate direttamente o su segnalazione di un altro ufficiale di gara, l’arbitro deve espellere (se calciatore) o allontanare dal recinto di gioco il responsabile.

E’ cambiato il Giudice Sportivo: i calciatori si devono preoccupare?

La regola è chiara e conosciuta a ogni livello, dal calcio dilettantistico a quello professionistico, ma il segnale potrebbe essere riconducibile al cambio dei vertici voluto da Carlo Tavecchio, presidente della FIGC, per riformare il sistema giudiziario sportivo. Dopo 10 lunghi anni, infatti, Giampaolo Tosel, finito nell’occhio del ciclone al termine della scorsa stagione per la sentenza Higuain (4 giornate di squalifica poi ridotte a 3) anticipata ai microfoni di Radio Marte, ha visto terminare il suo mandato. Al suo posto è stato nominato Giudice Sportivo della Lega di Serie A Gerardo Mastrandrea, figura giuridica di rilievo che ha ricoperto anche in ambito politico ruoli importanti. Tra gli altri è stato il presidente della Corte Sportiva di Appello Nazionale, il presidente della Corte Federale d’Appello e il presidente della Corte di Giustizia Federale presso la FIGC. Al momento della sua nomina, avvenuta proprio alla vigilia della terza giornata di campionato (Chievo-Lazio), Mastrandrea ha affermato: “Cercheremo di fare bene il nostro lavoro per contribuire a un sistema più moderno ed efficiente che ha bisogno di regole e rigore”. Finora ha mantenuto le promesse così come il collega Emilio Battaglia della Lega di Serie B. Resta da appurare se questo rigore verrà applicato anche nei confronti dei calciatori, una misura quasi impossibile da attuare perché comporterebbe un numero record di espulsioni e la conclusione di molte partite ben prima del 90′. Ma sulla linea sottile tra norme e buonsenso, il regolamento è uno e vale per tutte le componenti.

La moviola della 4a giornata di Serie A

No Comments

Sampdoria-Milan 0-1 (arbitro Irrati)

Direzione di gara complessa per Irrati. Nel finale di primo tempo lo aiuta Manganelli che coglie il fallo di mano di Lapadula sulla punizione di Muriel: corretto il giallo. Linetty rischia di provocare un rigore su Suso, ma il contatto avviene fuori area: manca in ogni caso una punizione dal limite.

suso-samp-milan

Barreto segna un gol regolare sfiorando la sfera su assist di Torreira: non era in fuorigioco, come si evince dal fotogramma. Montolivo è in linea con Muriel e tiene ampiamente in gioco il paraguaiano.

barreto-samp-milan

Pereira aggancia in area Bonaventura: il Milan reclama giustamente un rigore non concesso. In precedenza giusto sorvolare su quello reclamato da Niang per un contrasto spalla a spalla.

bonaventura-samp-milan

Nel recupero c’è una serie di abbracci in area rossonera: quello più vistoso è tra Locatelli e Torreira, ma non basta a giustificare un rigore. Una riflessione merita l’annullamento del gol di Muriel: il colombiano prima di calciare a rete si aiuta con il braccio e il tocco è evidente, ma involontario. Il pallone gli carambola sul braccio dopo l’intervento di Abate: la tendenza è punire gli attaccanti e perdonare i difensori. Il regolamento, però, è uno e non prevede disparità.

Lazio-Pescara 3-0 (arbitro Maresca)

Fuorigioco palese di Immobile sul gol annullato alla Lazio. Giusta la concessione del rigore al 33′ del primo tempo per il contatto in area biancoceleste tra Bastos, ammonito nell’occasione per aver interrotto un’azione significativa, e Caprari. Memushaj sbaglia dal dischetto. Il pugno di Campagnaro a Radu è passibile di prova televisiva: sarebbe stato da rosso e anche da rigore dato che il pallone era in gioco, ma nessun componente del team arbitrale ha ravvisato la scorrettezza.

campagnaro

Napoli-Bologna 3-1 (arbitro Doveri)

Al 35′ del secondo tempo Krafth viene espulso per aver negato una chiara occasione da rete a Zielinski. L’ex Empoli si sarebbe trovato da solo davanti a Da Costa e uno dei parametri che soddisfa questa regola, che per i falli fuori area non è cambiata, è la direzione: in questo caso Zielinski è diretto verso la porta. Corretta la decisione di Doveri.

zielinski-napoli-bologna

Udinese-Chievo 1-2 (arbitro Pairetto)

Il Chievo ribalta il risultato con due gol regolari. Non c’è fuorigioco di Castro, che tocca il pallone con il fianco e non con il braccio, e nemmeno di Cacciatore in extremis. Floro Flores cade in area friulana, ma la trattenuta di Danilo è appena accennata e non meritevole della massima punizione.

Cagliari-Atalanta 3-0 (arbitro Fabbri)

In avvio Joao Pedro viene lanciato verso la porta, ma Berisha non trova il pallone e lo abbatte in uscita. Al Cagliari manca un rigore perché al momento del contatto il pallone, poi finito sul fondo, era ampiamente in gioco.

berisha-cagliari-atalanta

Non c’era, invece, quello assegnato all’Atalanta: il fallo (netto) di Pisacane su Gomez era appena fuori area.

pisacane-cagliari-atalanta

Il rigore sbagliato da Paloschi andava ripetuto: Rafael è ben oltre la linea di porta al momento del tiro e andava anche ammonito.

paloschi-cagliari-atalanta

Crotone-Palermo 1-1 (arbitro Celi)

Nulla da eccepire sul gol del Crotone. Trotta scatta in posizione regolare e spinge in rete un pallone toccato da Rajkovic, intervenuto “alla disperata” su Falcinelli. L’allontanamento di Possanzini (vice di De Zerbi) dalla panchina del Palermo è dovuto a un’esultanza giudicata eccessiva dopo la rete del pareggio.

Sassuolo-Genoa 2-0 (arbitro Gavillucci)

Al 22′ Rigoni porta avanti il Genoa su sponda di Gakpé, ma l’arbitro annulla correttamente per una spinta di Pavoletti su Pellegrini. Nella ripresa giusta l’assegnazione del calcio di rigore al Sassuolo. Evidente il fallo commesso da Pavoletti che aggancia il piede destro di Defrel: intervento onesto a cercare il pallone quindi da giallo come prevede il nuovo regolamento, nonostante la chiara occasione da gol. Veloso si fa espellere nel finale: prima entra con il piede a martello su Matri e viene ammonito, poi manda l’arbitro a quel paese e incassa il rosso diretto.

Torino-Empoli 0-0 (arbitro Chiffi)

Chiffi è attento. Nel primo tempo i toscani reclamano un rigore per un tocco con il braccio di Molinaro, aderente al corpo, sul cross di Tello. Dall’altra parte, Obi cade dopo un leggero contato con Dioussé. Fa bene Chiffi a lasciar correre.

Inter-Juventus 2-1 (arbitro Tagliavento)

I riflettori della giornata erano tutti sul derby d’Italia, ma Tagliavento nel complesso supera la prova. In avvio, Khedira viene fermato per un fuorigioco che non c’è (Santon è in linea), ma il tedesco si era allungato il pallone favorendo il recupero di Handanovic. A inizio ripresa, l’arbitro di Terni ammonisce Medel che proclama la sua innocenza: in effetti è D’Ambrosio che, con un chiaro intervento imprudente su Alex Sandro, meritava il cartellino giallo. Con il Var si sarebbe trattato di scambio di persona?

dambrosio-inter-juve

Nella ripresa, l’Inter chiede la seconda ammonizione ai danni di Lichtsteiner. Da quest’anno non vige più la regola del giallo ai danni di chi interrompe un passaggio tra due avversari. Va sventolato, invece, in caso di azione significativa, cosa che non riguarda tale episodio. Chiellini rischia allargando il braccio per ostacolare Icardi in area: situazione al limite, Tagliavento si dimostra meno rigido rispetto ad altre occasioni.

icardi-inter-juve

Banega viene espulso per doppia ammonizione: la prima è un vero “giallo” perché nessuno se ne accorge, ma l’ex Siviglia era stato sanzionato per proteste dopo un fallo al limite dell’area fischiato a Felipe Melo. La seconda è inevitabile per un fallo tattico che ferma Alex Sandro lanciato in velocità. Infine, Handanovic anticipa Khedira con un’uscita provvidenziale: il tedesco arriva con un attimo di ritardo dopo che lo sloveno aveva già smanacciato il pallone. Corretto il fallo in attacco.

Fiorentina-Roma 1-0 (arbitro Rizzoli)

Manca un rigore in favore dei giallorossi al 29′ del primo tempo. Sul lancio di De Rossi per Dzeko, Tomovic frana incautamente sul bosniaco con il ginocchio.

tomovic-fiorentina-roma

Nella ripresa, invece è da annullare la rete decisiva di Badelj. Kalinic, in posizione di fuorigioco al momento del tiro del centrocampista, è sulla traiettoria della conclusione tanto da allargare le gambe e ingannare Szczesny. “Ostruisce chiaramente la linea di visione del portiere?”: la dicitura dell’IFAB crea confusione, ma non deve concedere alibi che possano stravolgere la regola.

kalinic-fiorentina-roma