Come la Var avrebbe salvato Guida in Milan-Sassuolo

No Comments

E’ stata una giornata storica per la Serie A. La sperimentazione della Video Assistenza Arbitrale, rigorosamente in modalità off-line, è entrata nel nostro calcio. Altrove è già stata utilizzata con successo. A San Siro sarebbe servita.

Pescara-Chievo 0-2 (arbitro Manganiello)

Nel recupero viene annullata giustamente una rete al Pescara: Campagnaro è in fuorigioco.

Udinese-Lazio 0-3 (arbitro Russo)

Regolare il raddoppio di Keita: il senegalese è perfettamente in linea con Danilo sull’assist di Felipe Anderson. Sul 3-0 per la Lazio, Hoedt rischia fermando Perica in area: intervento negligente, c’erano gli estremi per un calcio di rigore a favore dei friulani.

hoedt-perica-udinese-lazio

Empoli-Juventus 0-3 (arbitro Mazzoleni)

Dybala va a terra in avvio, ma è lui che commette irregolarità in partenza aiutandosi con il braccio. Prima dell’intervallo c’è un episodio molto curioso: Mazzoleni tocca inavvertitamente Tello e gli fa perdere l’equilibrio. Pjanic potrebbe approfittarne per alimentare l’azione d’attacco della Juve, ma l’arbitro di Bergamo fischia fallo facendo riprendere il gioco con una punizione a favore dell’Empoli.

telloempoli

https://twitter.com/AlDinoDinoia/status/782541797830627328

Peccato che l’arbitro influisca quanto un palo o una bandierina: Mazzoleni non doveva fermare il gioco e, inoltre, se proprio volessimo considerare l’interferenza esterna, avrebbe dovuto farlo riprendere con una rimessa da parte sua. Al 53’ Tello interviene in gioco pericoloso su Pjanic che cade accentuando le conseguenze di una gamba alta che c’è, ma che non arriva a contatto con il bosniaco.

tello-empoli-juventus

I toscani aggrediscono Pjanic accusandolo di simulazione e Bellusci gli mette le mani al collo: Mazzoleni gli risparmia richiamo e cartellino.

bellusci-empoli-juventus

Due casi di fuorigioco: non visto quello di Khedira nel primo tempo (il tedesco prende la traversa sotto porta), corretto fermare Cuadrado nella ripresa (Higuain segna a gioco fermo).

khedira-empoli-juventus

Atalanta-Napoli 1-0 (arbitro Rizzoli)

Gara sempre sotto controllo da parte di Rizzoli che ammonisce sei giocatori (tre per parte).

Bologna-Genoa 0-1 (arbitro Maresca)

Non convince la gestione dei cartellini di Maresca al Dall’Ara. Il Genoa subisce due ammonizioni nella stessa azione: sulla prima entrata di Gentiletti l’arbitro concede il vantaggio e poi interrompe il gioco per estrarre il giallo a Veloso che ferma una promettente azione avversaria stendendo da dietro Verdi in scivolata: il rosso diretto, che avremmo visto in campo internazionale, sarebbe stato corretto.

veloso-bologna-genoa

Giusto annullare il gol di Lazovic perché Rigoni, autore dell’assist, è in posizione irregolare. Juric viene allontanato per proteste e Gastaldello subisce il giallo per proteste, dà del matto all’arbitro e si vede sventolare il rosso. Severo, invece, il secondo giallo di Gentiletti che si aiuta con un braccio per fermare Destro spalle alla porta.

gentiletti-bologna-genoa

Eccessiva anche l’espulsione di Dzemaili: l’entrata decisa su Ninkovic poteva essere sanzionata con il giallo.

Cagliari-Crotone 2-1 (arbitro Giacomelli)

Intervento di Ceppitelli su Rohden in area: lo svedese cade senza subire fallo, giusto lasciar correre.

Sampdoria-Palermo 1-1 (arbitro Mariani)

Proteste della Sampdoria per un presunto fallo di mano di Goldaniga in area: il cross di Muriel è ravvicinato, giusto propendere per l’involontarietà. Nel finale espulso Gazzi: rimedia il secondo giallo per un’entrata in ritardo su Schick, niente da eccepire.

Milan-Sassuolo 4-3 (arbitro Guida)

Da una cabina predisposta al Meazza, hanno toccato con mano l’importanza della Var gli arbitri Di Bello e Doveri, il designatore della CAN A Messina e quello della UEFA, Collina, che non hanno però potuto aiutare Guida. Annullare il gol di Adjanpong (ammonito per comportamento antisportivo) è giusto: il braccio è largo e va a cercare il pallone. L’ancata di De Sciglio a Politano non merita la massima punizione, ma sempre al 32’ Donnarumma si fa soffiare il pallone dallo stesso Politano e lo abbatte con una manata: manca un rigore al Sassuolo e un giallo al portiere; qui la Var (utilizzabile per gol, rigori, rossi e scambi di persona) avrebbe aiutato.

donnarumma-milan

Il rigore dato al Milan non c’è: è Niang che trattiene Lirola per la maglia per poi lasciarsi cadere.

lirola-milan

Sul gol di Paletta Bacca è in posizione geografica di fuorigioco, ma non è sulla linea di visione del portiere. Proteste anche nel finale, ma non c’è fallo di De Sciglio su Acerbi in area. La Var interviene per errori evidenti e non sarebbe intervenuta su ciò che accade al termine del primo tempo: l’arbitro non fischia una punizione al Sassuolo e sulla ripartenza del Milan manda tutti negli spogliatoi. Il tempo era scaduto da una manciata di secondi: Montella s’infuria, si fa allontanare e segue la ripresa dalla tribuna.

Torino-Fiorentina 2-1 (arbitro Calvarese)

Va meglio a Irrati che insieme a Rosetti, project leader della Var in Italia, valuta l’operato di Calvarese in un pullman all’esterno dello stadio Grande Torino. Sul gol del vantaggio granata il tocco di mano di Iago Falque è difficile da giudicare: l’arbitro propende per l’involontarietà e la tecnologia non l’avrebbe potuto smentire. Bisogna piuttosto stabilire quanto si debba riavvolgere il nastro in casi del genere: la presunta irregolarità avviene a inizio azione, ma non si hanno linee guida precise su quanto si debba tornare indietro. L’azione poi prosegue e sul tiro di Iago c’è Belotti in fuorigioco, ma non è sulla linea di visione del portiere. Rossettini rischia di provocare un rigore su Kalinic in avvio: il difensore frana sulla gamba sinistra del croato.

rossettini-toro-fiorentina

Manca un rigore anche al Torino: Belotti cade due volte; la prima volta si rialza nonostante il chiaro fallo di Milic, la seconda viene toccato da Zarate sotto gli occhi dell’addizionale, figura che con la Var non ci sarà più.

belotti-torino-fiorentinazarate-torino-fiorentina

Roma-Inter 2-1 (arbitro Banti)

Corrette le ammonizioni comminate a Santon, Ansaldi e Juan Jesus. Regolari i gol di Dzeko, dietro la linea del pallone su assist di Bruno Peres, e di Banega, innescato da Icardi. Promossi gli assistenti Di Fiore e Crispo.

Categories: La moviola Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *