L’arbitro ne espelle 9! Il parroco presidente minaccia il ritiro della squadra

No Comments

È successo in Terza Categoria, dove arbitrare non è mai facile. La situazione, però, è sfuggita di mano a un direttore di gara della Sezione di Brescia nel match tra Manerba e Oratorio San Michele di domenica 2 ottobre. Gli ospiti hanno perso per 5-4 una gara che li vedeva condurre 3-0 fino alla metà del secondo tempo. In una ventina di minuti, però, si sono visti assegnare 4 rigori contro, coincisi con altrettante espulsioni a sfavore (una ad ogni rigore). Al termine della partita, anche i dirigenti hanno chiesto spiegazioni all’arbitro. Risultato? Altri 5 espulsi, o se preferite allontanamenti, tra cui l’allenatore, il suo vice e i due portieri.

Don Davide Corini, padre spirituale dell’oratorio San Michele di Travagliato (dove Franco e Beppe Baresi diedero i primi calci al pallone) e presidente della società parrocchiale, ha commentato:

La FIGC deve intervenire, altrimenti ci ritireremo dai campionati con tutte le nostre squadre. È stato uno smacco. Tutti i dirigenti hanno giurato sulla buona fede dei nostri tesserati. Sommosse non ve ne sono state, persino la società avversaria ha scritto alla Federcalcio per testimoniare che quanto è accaduto non ha logica. Ora provvedano a fare giustizia

La FIGC, attraverso l’AIA, ascolterà di sicuro il punto di vista dell’arbitro bresciano, dato che la ricostruzione dei fatti è avvenuta attraverso le testimonianze delle due società. In primis, l’Oratorio San Michele di Travagliato che, come parte lesa, si è recato negli uffici della Delegazione Provinciale di Brescia per chiedere una sorta di amnistia: “Non vogliamo rigiocare l’incontro, accettiamo il risultato del campo. Chiediamo solo che non venga infangata la nostra dignità”. Per dimenticare questa brutta faccenda, in caso di conclusione positiva della stessa, il San Michele è pronto a offrire una cena ai vincitori della partita: “Paghiamo noi, perché sono stati dei signori. Loro…”. Il verdetto del Giudice Sportivo è atteso per giovedì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *