Var: all’estero due esempi di applicazione corretta. Ma può migliorare…

No Comments

La scorsa domenica di campionato ha proiettato il calcio italiano nella nuova era, dove oltre alla Goal Line Technology troverà finalmente posto la Video Assistant Referees. Se noi dovremo accontentarci di vederla applicata solo in alcune amichevoli prima dell’esordio ufficiale in modalità online – presumibilmente a gennaio 2018 in Coppa Italia – all’estero ci forniscono degli elementi utili a capire che (e soprattutto come) funziona in termini pratici.

Negli USA l’arbitro guarda i monitor a bordo campo

Il primo esempio ci porta in United Soccer League, la terza serie del campionato americano. La MLS (e di conseguenza anche le sue leghe inferiori), è infatti tra le 6 leghe nel mondo che sono state selezionate dalla FIFA per condurre i test in partite ufficiali. Nella gara tra New York Red Bulls II e Orlando City B, Conor Donovan commette fallo fuori area, ma l’arbitro ricorre al replay visionando un monitor a bordo campo per prendere la decisione giusta: punizione dal limite ed espulsione per l’evidente opportunità di segnare una rete negata alla squadra avversaria, come potete vedere al minuto 42:41 del video.

Se nel primo episodio c’erano ben due dei quattro requisiti per affidarsi alla Var (eventuale rigore ed espulsione), nel secondo l’arbitro non sa se estrarre il cartellino rosso. Il secondo monitor posizionato dall’altra parte del terreno di gioco lo fa propendere per un semplice giallo, come potete verificare al minuto 1:43:20 del video.

In Olanda interviene il Var tramite auricolare

Non c’è un modo giusto o un modo sbagliato di applicare la Video Assistant Referees. Se in precedenza abbiamo visto un arbitro che ha scelto di visionare il replay a bordo campo, in Coppa d’Olanda Danny Makkelie ha, invece, accettato l’indicazione di un collega (il Var), appostato in un’apposita control room dell’Amsterdam Arena, per correggere una sua decisione. Nel match tra Ajax e Willem II, Anouar Kali stende con una brutta entrata Lasse Schöne guadagnandosi il giallo. Mentre il giocatore dell’Ajax è ancora a terra, nell’auricolare del direttore di gara arriva la voce di Pol Van Boekel: “Cartellino rosso”. Makkelie lo estrae, Kali resta spiazzato, ma la scelta è ineccepibile: espulsione per vigoria sproporzionata (minuto 3:00 del video). Nella stessa partita la Var corregge l’arbitro e lo aiuta anche, confermando la sua decisione di convalidare una rete sul filo del fuorigioco.

VIDEO: Ajax-Willem II

Margini di miglioramento

Nel caso olandese ci sono voluti 17 secondi per prendere la decisione corretta, con il giocatore dell’Ajax ancora a terra per ricevere le cure mediche. Non è dunque stata intaccata la fluidità del gioco tanto cara alla FIFA e alle analisi dell’Università di Bruxelles, come ha spiegato il direttore generale della Serie A Marco Brunelli:

E’ sì primario che la decisione sia quella corretta, ma allo stesso tempo lo è anche la velocità

 

A ribadire il concetto è stato il project leader, l’ex arbitro internazionale Roberto Rosetti:

Ci sono decisioni in cui la velocità è ridottissima, pari a 10-12 secondi, ma anche altre situazioni più complesse. Prendiamo l’esempio della Bundesliga, un campionato dove la sperimentazione è già partita: lì la media delle revisioni è stata di 22 secondi, se noi riuscissimo a stare sotto i 12 sarebbe una buona valutazione. L’importante sarà riuscire ad essere bravi a prendere le decisioni giuste rispettando questi tempi. In ogni caso la decisione finale è sempre dell’arbitro. Il VAR è un aiuto in caso di errori chiari ed evidenti e che tutti hanno visto

Ora i match mediamente durano 95′-97′: si potrebbe arrivare a quota 100, ma resta ferma la volontà di non stravolgere un gioco che appassiona tutto il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *