AIA nella bufera: il Tribunale Federale fa crollare il sistema di valutazione degli arbitri

No Comments

Il mondo arbitrale è stato profondamente scosso negli ultimi giorni da una sentenza che passerà alla storia. Si tratta della sentenza 17/2017 del Tribunale Federale Nazionale (Sezione Disciplinare) con la quale è stato accolto il ricorso di Giovanni Greco, arbitro della Sezione di Roma 1. Greco, al termine della scorsa stagione, era alla CAI, vale a dire la prima delle cinque commissioni nazionali. Le altre quattro, salendo man mano di categoria sono CAN D, CAN PRO, CAN B e CAN A. Dopo due stagioni di militanza alla CAI, l’arbitro in questione è stato dismesso (cioè mandato a casa) ma ha fatto ricorso contro la sua dismissione muovendo tutta una serie di critiche al sistema valutativo dell’AIA.

Critiche su come vengono scelti gli Organi Tecnici – una nomina esclusivamente politica fatta da un Organo, il Comitato Nazionale, a sua volta esclusivamente politico – che non hanno quindi da regolamento particolari competenze per poter valutare. Questo si estende al meccanismo di valutazione degli arbitri e soprattutto al fatto che si tratta di una valutazione discrezionale e non motivata. Un arbitro si ritrova a essere dismesso a fine stagione o a essere non promosso senza alcuna motivazione.

Nelle norme di funzionamento degli Organi Tecnici si dice che le risultanze aritmetiche sono uno dei criteri, ma poi ci sono anche ‘altri criteri’ che non sono definiti. Alla luce di questi non definiti criteri, dovrebbero essere motivati i provvedimenti che vanno a incidere su aspetti fondamentali della selezione di una categoria che rientra in un sistema di diritto pubblico. L’AIA si è sempre opposta trincerandosi dietro la logica secondo la quale gli atti dell’Associazione non avrebbero valenza pubblicistica ma privatistica, ma questa tesi non ha fondamento: l’AIA fa parte della FIGC, la FIGC del CONI e il CONI è un ente pubblico, riceve denaro pubblico, utilizza denaro pubblico e, ovviamente, è tenuta al rispetto della legge 241/1990, intitolata “Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi”. Ciò incide sulla vita professionale delle persone, di soggetti che andranno ad arbitrare le partite. Un meccanismo assolutamente importante che non è per nulla trasparente.

Oltre a non essere definiti i criteri di selezione a inizio stagione, non viene nemmeno definito anticipatamente il numero di posti disponibili nelle varie categorie. Ciò avviene solo a stagione in corso e a decidere è il Comitato Nazionale che è un organo puramente politico (e non tecnico!). Questo apre una discrezionalità politica che è ben lontana dai principi di trasparenza e correttezza, come spiegato nell’ultima parte della sentenza:

Venuta meno la necessaria predeterminazione dei criteri, essendo stato rimesso alla libera determinazione dell’Organo tecnico di valutare ex post se applicare o meno gli ulteriori eventuali criteri ai fini della determinazione della graduatoria, in evidente violazione con i principi di trasparenza e imparzialità. Tra l’altro l’omessa predeterminazione dei criteri a inizio stagione non viola soltanto i principi di trasparenza e di imparzialità, ma lede inesorabilmente anche la par condicio degli arbitri, in quanto questi ultimi non sapendo i criteri sulla base dei quali saranno valutati non possono concorrere correttamente

Siamo dunque di fronte a una sentenza il cui impatto sta destabilizzando il mondo AIA, una denuncia accolta dal Tribunale Federale che di fatto mette in ginocchio tutto il sistema di valutazione degli arbitri. Greco è stato riammesso alla CAI contro le norme di funzionamento che prevedono che il limite di permanenza sia di due anni. Il Tribunale della FIGC ha annullato i provvedimenti di dismissione riammettendolo alla CAI e questo non potrà che lasciare pesanti strascichi. L’AIA impugnerà senza dubbio la sentenza (altrimenti a fine stagione si ritroverebbe con miriadi di ricorsi di altri arbitri) ma in ogni caso essa è destinata a incidere profondamente sull’Associazione poiché ha e avrà una chiara valenza di precedente giuridico. La speranza è che sia stato fatto il primo passo verso un sistema più meritocratico.

Dall’epoca pre all’epoca post VAR: come sta cambiando (in meglio) il calcio

No Comments

Il gioco del calcio si è evoluto negli anni. Abbiamo assistito a modifiche regolamentari e all’introduzione di figure o strumenti tecnologici più o meno riusciti: si pensi al fiasco degli addizionali o al successo della Goal Line Technology. Nessuna novità, però, aveva mai segnato il modo di intendere, giudicare e vivere il calcio come la VAR. Stiamo attraversando una fase di passaggio, una rivoluzione dall’epoca pre a quella post VAR e dobbiamo abituarci.

È cambiato il modo di raccontare le partite da parte dei cronisti che cercano di capire e semplificare a beneficio di chi ascolta. È cambiato il modo di esultare da parte dei protagonisti in campo, sintetizzato alla perfezione da Daniele De Rossi: “Adesso quando segni non sai cosa fare, rischi di fare la figura del cretino”.

È cambiato il modo di esultare a casa e sugli spalti perché i tifosi, prima di lasciarsi andare dopo un presunto fallo da rigore o soprattutto dopo un gol potenzialmente viziato da un’irregolarità, aspettano qualche interminabile secondo. Ed è questa la parte più difficile.

Prima era sufficiente dare un’occhiata all’arbitro, per i più raffinati all’assistente (“Sta andando verso il centrocampo? È andata”), ora no ma l’attesa è più facile da digerire se i risultati sono fedeli a quello che racconta il campo. I dati diffusi da Rosetti, responsabile VAR in Italia, spiegano l’impatto che ha avuto la tecnologia sul gioco nelle prime sette giornate di campionato: nell’arco di 69 gare sono state 309 le azioni finite sotto la lente d’ingrandimento. In 288 casi la scelta della terna arbitrale è stata confermata, 21 volte cambiata. Una media di tre errori evitati a giornata. Già questo è un risultato tangibile. Di queste 309 il 59% ha riguardato i gol perché ogni azione da gol viene giustamente rivista (cosa c’è di più importante in questo gioco?), il 27% i rigori e il 14% il resto quindi, in sostanza, i rossi diretti. Ci sono, però, altri dati oggettivi che ci spiegano la direzione verso la quale sta andando lo sport più amato dagli italiani. I falli di gioco sono scesi da 260 a 203 mentre i gialli sono passati da 313 a 245 e i rossi da 24 a 15.

La spiegazione è semplice: ci voleva la famosa ‘certezza della pena’ per limitare il numero di irregolarità dei calciatori, ora consapevoli che rischiano grosso e che difficilmente potranno farla franca. Si gioca di più (il tempo effettivo è addirittura aumentato da 50’ e 19’’ a 51’ e 10’’) a fronte di recuperi leggermente più lunghi (19 secondi di media) e revisioni via via più rapide (da 1′ 22” nelle prime tre giornate si è scesi a 40″) a cui vanno aggiunti 54’’ di media serviti agli arbitri per rivedere i replay e prendere la decisione finale (on field review). Un piccolo prezzo da pagare in fondo per arrivare a verdetti corretti. Ci sono stati degli errori (pochi a dire il vero), come il rigore assegnato al Genoa contro la Juventus quando non fu ravvisato il fuorigioco di Galabinov, o delle problematiche tecniche, come sul fuorigioco di Kean per le linee tracciate dal software, strumento migliorabile e non ancora accurato quanto la GLT. Sull’annullamento del gol di Mandzukic – un caso nuovo che a caldo ha spiazzato qualcuno – il protocollo è stato, invece, rispettato alla perfezione.

Ci sono più rigori: 20 lo scorso anno, 34 quest’anno. Una differenza sostanziale che porterà a un’evoluzione nel modo di stare in campo, come ha intuito Giampaolo: “Con la moviola si può giudicare diversamente in area quindi aumenteranno i rigori assegnati: tutto ciò porterà le squadre, grandi e piccole, a interpretare la gara in maniera diversa, a difendere più lontano dall’area, a giocare di più. Migliorerà lo spettacolo e quindi il gioco”. Cambia dunque anche il modo di difendere, ci sono meno falli e si fa più attenzione in area di rigore nel marcare “senza cadere in tentazione”, evitando i tipici falletti di mestiere. Oltre ai difensori devono stare in guardia anche gli attaccanti perché la VAR smaschera i simulatori: se in area ti lasci cadere vai incontro a un giallo certo (fin qui due sole ammonizioni per simulazione in area). Insomma, l’abilità nell’ingannare l’arbitro non verrà più premiata e i calciatori lo stanno già capendo. È cambiato anche il modo di arbitrare e anche se bisognerebbe continuare a farlo come se la tecnologia non ci fosse, ogni arbitro inconsciamente sa che la VAR c’è e cosa comporta. Abbiamo visto, per esempio, quanto non sia scontato per un assistente dover attendere lo sviluppo dell’azione e lasciare la bandierina abbassata pur essendo convinto di aver rilevato un fuorigioco.

L’impatto della tecnologia sul gioco può, anzi deve migliorare. La priorità era la comunicazione tra Var e arbitro centrale: ora ci sono due linee in modo da evitare blackout. I prossimi obiettivi sono la visione delle immagini e magari in futuro ci saranno i replay pure negli stadi. Si va verso la trasparenza ma già adesso, dopo una revisione, tutti si sentono più rinfrancati sia in campo che fuori. I prossimi investimenti verranno destinati al guardalinee elettronico: togliere tutti gli errori chiari ed evidenti sarà una conquista. Certo, resteranno discrezionalità, interpretazione e polemiche in altri casi, ma non assisteremo più a scandali come una qualificazione ai Mondiali macchiata da un doppio fallo di mano (Henry in Francia-Irlanda 2009). La disinformazione, anche da parte di alcuni addetti ai lavori, non è tollerabile e chi pensa che la VAR sia nata solo per aiutare gli arbitri è ben lontano dallo spirito di questa innovazione. L’entità di questa svolta epocale, ancora in fase sperimentale, è un aiuto al calcio. Un calcio con meno scorrettezze, meno falli violenti, meno furbate e più spettacolare. Siamo entrati in una nuova era ed è impensabile tornare indietro.

Categories: La moviola Tags: , ,