In Cina comprano tutti, anche gli arbitri. Clattenburg: “Se facessero un’offerta…”

No Comments

Comprare Oscar, Tevez e tentare Cristiano Ronaldo con cifre da capogiro evidentemente non basta ai cinesi che si vogliono assicurare anche qualche celebre arbitro per lanciare la Chinese Super League e renderla appetibile ad ogni livello.

Mark Clattenburg, che ha arbitrato le più grandi finali di calcio del 2016 (Europeo, Champions League e FA Cup), ammette che non scarterebbe questa ipotesi:

Non c’è un’offerta sul tavolo, ma se mi facessero un’offerta, verrebbe presa in considerazione… Al momento ho ancora il piacere di lavorare per la Premier League e per la UEFA

Il 41enne direttore di gara è stato nominato “Arbitro dell’anno” a una cerimonia di premiazione all’inizio di questa settimana a Dubai e ha riconosciuto che sarebbe di suo gradimento poter aiutare un paese come la Cina a innalzare i suoi standard arbitrali:

La Cina sta cercando sicuramente di far crescere il suo calcio e l’arbitraggio è una parte importantissima di questo sport. Se l’occasione arriva, magari più avanti… Ora sono sotto contratto con la Premier League

Clattenburg, nella sua intervista ad Associated Press, pensa anche al futuro: “Devo guardare in prospettiva la mia carriera a lungo termine. Per quanto tempo posso essere un arbitro? Sono in Premier League da 12 anni. Questi sono stati 12 anni meravigliosi”. Infine, ci tiene però a specificare che non è una questione di soldi:

Il denaro non ha mai guidato un arbitro… È la possibilità di fare qualcosa di diverso, magari aiutando il reclutamento. Se non è successo ora, proverò a farlo in futuro, un po’ come ha fatto Howard Webb (in Arabia Saudita), dove si potrà dare una mano per creare una nuova realtà arbitrale

Se dovesse lasciare la Premier ci potremo comunque consolare con l’ineguagliabile Mike Dean…

Biografia

108 Comments

AD

Mi sono innamorato del calcio grazie a Luís Nazário de Lima, per tutti semplicemente Ronaldo. Non avendomi la natura dotato di piedi raffinati, ho sempre preferito praticare la nobile arte della racchetta e dedicarmi allo sport nazional-popolare dalle tribune dello stadio o dal divano.

Al liceo ho sacrificato qualche ora di studio per cimentarmi nelle pagelle dei tornei scolastici realizzando che quello sarebbe stato il mio destino. Dopo essermi fatto le ossa qua e là, forte (o debole?) di una Laurea in Linguaggi dei Media, passando dagli studi di SportMediaset ai campi di periferia di Sprint&Sport, a 24 anni ho iniziato a picchiettare la tastiera per Eurosport.

Nel frattempo, per colpa di un amico (che oggi ringrazio) ero diventato arbitro. Ho avuto modo di conoscere anche l’altra faccia del calcio, quella più bistrattata e snobbata: in cinque anni di trasferte e improperi, ho scoperto che ben al di sotto dell’élite e dei riflettori della Serie A si nasconde una passione sana che fa dell’arbitraggio una palestra di vita. Nel 2010 ho contribuito alla redazione del volume “Arbitri a Milano…ancora in campo”, presentato il 31 gennaio 2011 nella sala Radetzky di Palazzo Cusani in occasione del centenario dell’AIA.

Ora di anni ne ho 27, sono giornalista sportivo e coltivo ancora il sogno di trasformare un hobby nella mia professione: “Sempre meglio che lavorare…”