Gli anticipi della 15esima giornata di Serie A

115 Comments

Lazio-Juventus 0-2 (arbitro Banti)

Partita piena di falli e ammonizioni, comminate correttamente dal fischietto di Livorno. Una di queste vede coinvolto Radu che, al 48’, ferma Lichtsteiner colpendolo sulla spalla e non sul braccio: lo svizzero accentua notevolmente le proporzioni del gesto.

Radu, Lazio-Juventus

Al 50’ Barzagli ferma lo stesso Radu ostacolandolo con il braccio: manca una punizione dal limite alla Lazio. Nel finale Klose, già ammonito, interviene su Chiellini nel tentativo di prendere il pallone. I toni agonistici sono dimessi e l’arbitro propende per la negligenza non prendendo ulteriori provvedimenti nei confronti del tedesco.

Barzagli, Lazio-Juventus

Torino-Roma 1-1 (arbitro Damato)

Il rigore che permette ai granata di pareggiare è una valutazione complessa: vivisezionando l’immagine si nota come Manolas, sbilanciato da Maxi Lopez, prenda il pallone togliendolo dalla disponibilità di Belotti.

Manolas, Torino-Roma

L’addizionale Fabbri segnala il penalty a Damato che quindi commette un altro errore estraendo il giallo e non il rosso ai danni del difensore greco per chiara occasione da gol.

Belotti, Torino-Roma

Nainggolan, già ammonito, era entrato in ritardo pochi minuti prima su Baselli, costretto a uscire per infortunio: intervento imprudente, il belga meritava il secondo giallo.

Nainggolan, Torino-Roma

Assolutamente regolare il gol della Roma: l’unica posizione dubbia è quella di De Rossi che non interferisce minimamente; sulla traiettoria della punizione di Pjanic va, infatti, Dzeko che è in posizione nettamente regolare.

Dzeko, Torino-Roma

Nel primo tempo, Bovo è in possesso del pallone, ma allarga pericolosamente la gamba per evitare il ritorno di Nainggolan rischiando il cartellino giallo.

Bovo, Torino-Roma

Inter-Genoa 1-0 (arbitro Giacomelli)

Tino Costa rifila una manata a Medel nella prima frazione: il cileno accentua le proporzioni e il centrocampista riesce a scamparla anche se pochi secondi dopo si farà ammonire ingenuamente per un altro fallo su Medel. Contrasto spalla a spalla tra Ansaldi e Jovetic al limite dell’area, giusto lasciar proseguire. Nella ripresa, la punizione vincente di Ljajic nasce da un intervento in scivolata di Figueiras sullo stesso attaccante serbo: in realtà, il giocatore rossoblù prende il pallone.

Figueiras, Inter-Genoa

Al 62’, Brozovic pesca in profondità Ljajic che poi serve Palacio per il comodo 2-0: l’assistente Di Fiore segnala un fuorigioco inesistente.

Ljajic, Inter-Genoa

Al 76’ Ansaldi stende Palacio in area di rigore con il pallone in gioco: manca un penalty all’Inter. Due falli tattici, su Ansaldi e Perotti, comportano altrettanti gialli per D’Ambrosio. Nel finale ammonito anche Perotti, contrastato da Miranda: la simulazione non c’era.

Ansaldi, Inter-Genoa