La moviola della 21esima giornata di Serie A

98 Comments

Frosinone-Atalanta 0-0 (arbitro Valeri)

Valeri si affida inizialmente ai richiami, poi ricorre ai cartellini e tiene in mano il match. Sul finire del primo tempo, Masiello intercetta un cross di Pavlovic fuori area: l’arbitro decide per il calcio d’angolo, ma il braccio del difensore è largo e poteva essere concesso un calcio di punizione.

Masiello, Frosinone-Atalanta

Matteo Ciofani sgambetta Gomez mentre, nella ripresa, Soddimo raggiunge Kurtic solo per stenderlo: pur non essendoci gli estremi per la condotta violenta, entrambi gli episodi avvengono a palla lontana e i due giocatori della squadra ciociara se la cavano senza nessun provvedimento.

Empoli-Milan 2-2 (arbitro Russo)

All’8’ il Milan passa in vantaggio con Bacca: il colombiano è in fuorigioco con il piede destro rispetto al penultimo difensore, Tonelli, sul lancio di Antonelli. Valutazione complessa per l’assistente Paganessi.

Bacca, Empoli-Milan

Decisamente più facile l’off-side segnalato giustamente da De Pinto a Maccarone sulla punizione di Zielinski.

Maccarone, Empoli-Milan

Al 44’, su cross di Antonelli, un tentativo di disimpegno di Mario Rui carambola sul braccio di Buchel: intervento ravvicinato in una dinamica imprevedibile, fa bene Russo a propendere per l’involontarietà. Al 52’ Maiello stoppa in area un cross di Bonaventura aumentando considerevolmente il volume del corpo. Russo e l’addizionale Massa lasciano correre, ma questa volta il rigore andava fischiato.

Maiello, Empoli-Milan

Regolare il gol del 2-2 di Maccarone, tenuto in gioco da Antonelli dopo il primo tiro di Pucciarelli. Nel recupero, Balotelli ha testa e spalla oltre Mario Rui: corretto il fuorigioco sbandierato da De Pinto all’attaccante che fallisce comunque la chance.

Balotelli, Empoli-Milan

Fiorentina-Torino 2-0 (arbitro Mazzoleni)

Su una punizione calciata da Baselli, Bernardeschi rischia di causare un rigore che sarebbe stato fiscale ma condivisibile: la discriminante è il braccio del giocatore viola che è in orizzontale, non in verticale. Vives, già ammonito, entra in netto ritardo su Kalinic spalle alla porta: perdonato il centrocampista da Mazzoleni che gli risparmia il secondo giallo.

Inter-Carpi 1-1 (arbitro Gervasoni)

All’inizio del match Mbakogu segna a gioco fermo. Gervasoni fischia un precedente contatto di Mancosu ai danni di Murillo: se di sgambetto si tratta – pur essendo fortuito – sarebbe corretto punire la negligenza, ma il colombiano sembra perdere l’equilibrio per conto suo.

Murillo, Inter-Carpi

Romagnoli, in scivolata, atterra Icardi sullo 0-0: manca un rigore all’Inter.

Romagnoli, Inter-Carpi

Al 39’ è regolare il gol di Palacio, tenuto in gioco da Suagher. Al termine della prima frazione il Carpi reclama un penalty: il tiro di Bianco, intercettato da Murillo, è violento e ravvicinato; citando la Regola 12 è il pallone che va verso il braccio e non viceversa in un movimento congruo.

Bianco, Inter-Carpi

Pasciuti, ammonito per proteste dopo il gol dell’Inter, subisce il secondo giallo per un intervento imprudente su Miranda. Regolare la posizione di Lasagna, tenuto in gioco da Juan Jesus, sull’1-1 al 92’.

Lazio-Chievo 4-1 (arbitro Calvarese)

Konko tiene in gioco tutti compreso Cesar che segna lo 0-1 del Chievo.

Cesar, Lazio-Chievo

Le due ammonizioni comminate allo stesso Cesar sono condivisibili: la prima è conseguenza di un fallo tattico su Milinkovic-Savic, la seconda dell’interruzione di un’azione promettente di Keita. Candreva si procura un rigore con astuzia: la dinamica, a velocità normale, trae in inganno Calvarese poiché il centrocampista della Lazio cerca e trova le gambe di Gobbi per poi lasciarsi cadere.

Candreva, Lazio-Chievo

Corretta la decisione sul rigore fischiato a Paloschi: alle trattenute reciproche con Radu segue uno sgambetto del difensore che affossa l’attaccante. A quel punto il penalty (poi sbagliato) e il rosso per l’evidente opportunità di segnare una rete diventano inevitabili.

Radu, Lazio-Chievo

Palermo-Udinese 4-1 (arbitro Tagliavento)

Regolare il 2-0 di Hiljemark, tenuto in gioco da Felipe, quando parte il suggerimento di Quaison.

Quaison, Palermo-Udinese

Ammonito Widmer, ma il suo fallo su Hiljemark meritava il rosso per vigoria sproporzionata: piede a martello sulla caviglia dell’avversario senza alcuna possibilità di prendere il pallone.

Widmer, Palermo-Udinese

Sampdoria-Napoli 2-4 (arbitro Orsato)

Ingenuo Barreto che si gira fermando Albiol in area con il fondoschiena: rigore giusto.

Barreto, Samp-Napoli

Sull’angolo da cui nasce il 2-3 di Eder, Correa parte in fuorigioco. Niente da dire sulle due ammonizione ai danni di Cassani: fallo di mano che impedisce che il pallone arrivi a Insigne ed entrata in netto ritardo sempre sull’attaccante partenopeo.

Correa, Samp-Napoli

Sassuolo-Bologna 0-2 (arbitro Cervellera)

Regolare il gol di Giaccherini: il Sassuolo protesta per un fallo dell’esterno su Peluso, ma il contrasto aereo è pulito e Giaccherini prende semplicemente la posizione.

Verona-Genoa 1-1 (arbitro Rocchi)

Al 73′ chiede un rigore il Verona: Cerci, ultimo uomo in barriera, respinge con il braccio una punizione di Hallfredsson. Il braccio è attaccato al corpo, giusto non fischiare.

Cerci, Verona-Genoa

Juventus-Roma 1-0 (arbitro Banti)

Ammonito De Rossi in avvio, reo di aver rifilato un pestone a Mandzukic con il pallone lontano, ma in gioco. L’addizionale Irrati segnala a Banti l’intervento antisportivo. Chiamata corretta da parte dell’assistente Padovan sul fuorigioco di Dybala, lanciato da Bonucci: non era facile.

Dybala, Juventus-Roma

Proteste bianconere al 39’: Pjanic intercetta il pallone in area e il braccio è larghissimo, ma Banti fischia un fallo precedente di Mandzukic su De Rossi. L’eventuale applicazione della regola del vantaggio, in questo caso, è di cervellotica comprensione.

Pjanic, Juventus-Roma

A inizio ripresa, Mandzukic allarga troppo il gomito ai danni di Rudiger: condivisibile l’ammonizione decisa dall’arbitro che estrae anche il giallo all’indirizzo di Pjanic per proteste.

Mandzukic, Juventus-Roma

Regolare il gol-partita della Juve: è Rudiger a sbagliare il movimento e a tenere in gioco Dybala sull’assist di Pogba.

Dybala, Juve-Roma

Poco dopo Dzeko segna a gioco fermo, ma il direttore di gara livornese aveva fermato correttamente l’azione perché il bosniaco trattiene per un braccio Barzagli impedendogli di intervenire.

Dzeko, Juventus-Roma

Severo il giallo a Evra che in realtà, sul tiro di Florenzi, non colpisce la sfera con la mano. Infine, caso De Rossi: le telecamere pescano una frase razzista contro Mandzukic (“Stai muto zingaro di m…”), ma la prova tv, da regolamento, potrebbe scattare solo per atti violenti o frasi blasfeme (le bestemmie). Il rischio, nella settimana della querelle Sarri-Mancini, è creare un altro precedente: vedremo come agirà la Giustizia Sportiva.

La moviola della 16esima giornata di Serie A

106 Comments

Genoa-Bologna 0-1 (arbitro Di Bello)

Al 4’ Diawara entra a piedi uniti su Izzo con totale noncuranza delle conseguenze per l’avversario: il giocatore del Bologna doveva essere quantomeno ammonito per imprudenza.

Diawara, Genoa-Bologna

Al 36’ del secondo tempo Perotti viene espulso per condotta violenta: chiara la gomitata ai danni di Diawara, a sua volta giustamente ammonito per la trattenuta che l’aveva provocata. Lo stesso Diawara, in occasione dello 0-1, riceve il secondo giallo a causa di un’esultanza sopra le righe. È bene ricordare che, secondo la Regola 12, un calciatore deve essere ammonito se: “A giudizio dell’arbitro, fa gesti che sono provocatori o derisori”.

Palermo-Frosinone 4-1 (arbitro Doveri)

Goldaniga, Palermo-Frosinone

Il gol del vantaggio del Palermo era da annullare: l’assistente Gava non rileva la posizione irregolare di Goldaniga che, inoltre, stoppa il pallone con il braccio destro per poi depositarlo in rete. Doveri e l’addizionale non se ne avvedono.

Goldaniga,Palermo-Frosinone

Nel finale del primo tempo, però, si assiste a un esempio di collaborazione ben riuscita tra Doveri e Gava: l’arbitro ammonisce Blanchard estraendo il cartellino rosso per somma di gialli. Il difensore del Frosinone assicura di non aver commesso il fallo mentre Gori ammette la colpa. Dopo un conciliabolo di circa un minuto e mezzo, la segnalazione di Gava a Doveri porta i suoi frutti: in effetti, il centrocampista era intervenuto con un pestone su Djurdjevic mentre il difensore era piombato in un secondo momento sul pallone. Blanchard resta quindi in campo mentre Gori se ne va felice come non mai per aver incassato l’ammonizione più gradita della sua carriera.

Gori, Palermo-Frosinone

Sassuolo-Torino rinviata (arbitro Celi)

In caso di nebbia, il regolamento parla chiaro: non c’era la visibilità da una porta all’altra. Semmai si potrebbe discutere sull’opportunità di fissare una partita alle ore 18 del 12 dicembre in Emilia dove la nebbia, si sa, è un fenomeno raro…

Udinese-Inter 0-4 (arbitro Massa)

Nei primi minuti l’Inter rimedia tre ammonizioni: corrette quelle a carico di Perisic e Ljajic mentre Telles è protagonista di un contatto assolutamente veniale su Widmer. Al contrario, Felipe Melo meritava il giallo per un’entrata in scivolata su Iturra. Nel complesso, la direzione del fischietto ligure e dei suoi assistenti è da promuovere: al 4’ della ripresa, Lodi calcia da fuori, Thereau devia la palla in rete, ma la sua posizione è nettamente irregolare: giusto annullare.

Chievo-Atalanta 1-0 (arbitro Pasqua)

Cherubin,Chievo-Atalanta

Al 44′ Cherubin ferma Castro da dietro: non è rigore, ma non viene fischiata nemmeno la punizione dal limite.

Paloschi,Chievo-Atalanta

Il momento più importante del match è quello che porta all’espulsione di Cherubin. Paloschi si lascia cadere in area di rigore (manca il giallo per simulazione) e poi cerca lo scontro frontale con il giocatore dell’Atalanta che cade nella trappola: atteggiamento prima provocatorio e poi ancora simulatorio – e meritevole di ammonizione – da parte di Paloschi in quanto ingigantisce le proporzioni dell’accaduto. La testata di Cherubin, per quanto lieve, è comunque da punire, il rosso è la conseguenza mentre il penalty è la beffa finale perché il tutto avviene con il pallone in gioco.

Cherubin-Paloschi, Chievo-Atalanta

Quando l’attaccante batte il rigore, Paletta (che poi recupererà il pallone) è abbondantemente dentro l’area dei 16 metri: il penalty doveva essere ripetuto.

Paloschi, Chievo-Atalanta

Nel finale, Kurtic commette un fallo da dietro su Hetemaj: giusto il giallo, come il seguente rosso diretto per un applauso ironico del centrocampista atalantino nei confronti di Pasqua.

Milan-Verona 1-1 (arbitro Valeri)

Al 32′ il Verona chiede un rigore per un contatto tra Alex e Toni: la trattenuta è appena accennata, corretto lasciar proseguire.

Bacca,Milan-Verona

Subito dopo Lo Cicero, il secondo assistente di Valeri, ferma Bacca in due occasioni per fuorigioco: in entrambi i casi, il colombiano si trovava in posizione regolare con Niang prima e Luiz Adriano poi a insaccare il pallone in rete a gioco fermo. Notiamo che, nella seconda circostanza, l’assistente è intralciato da Luiz Adriano che non riceverà il pallone e che si trova in off-side non punibile con il piede sinistro.

Bacca, Milan-Verona

Corretta la non chiamata di De Pinto sul vantaggio del Milan: Moras sbaglia il fuorigioco e permette al solito Bacca di concludere. Vede bene Valeri sul fallo da rigore di de Jong che frana da dietro su Greco, pronto a calciare in porta: inevitabile l’espulsione per l’evidente opportunità di segnare una rete.

De Jong, Milan-Verona

Nel finale, rischia molto Marquez che allunga le braccia e spinge in area di rigore Bonaventura.

Bonaventura, Milan-Verona

Empoli-Carpi 3-0 (arbitro Cervellera)

Due gialli in tutto il match: da manuale quello di Gagliolo su Saponara mentre Di Gaudio viene punito per simulazione dopo un presunto contatto con Laurini in area. Cervellera non sbaglia.

Napoli-Roma 0-0 (arbitro Rizzoli)

Complicatissima chiamata per Cariolato che segnala un fuorigioco di Callejon, sul cui cross Digne ferma il pallone con la mano: non si può parlare di errore.

Callejon, Napoli-Roma

Nella ripresa, sul pallone di Salah diretto a Digne, Mertens viene ammonito per un fallo di mano. Le proteste del belga sono vibranti, ma si tratta di un giallo ineccepibile poiché interrompe un passaggio tra due avversari.

Mertens, Napoli-Roma

Lo stesso Mertens, subito dopo, allarga in corsa il braccio sinistro sulla testa di Digne rischiando il secondo giallo.

Mertens,Napoli-Roma

La decisione più delicata della sfida sorride a Barbirati, subentrato all’assistente Cariolato dopo il singolare stiramento di quest’ultimo.

La sfera, sul cross di Rudiger per il colpo di testa vincente di De Rossi a fischio già emesso, esce oltre la linea di porta per poi rientrare. Barbirati d’istinto segnala immediatamente: non avendo certezze ma sensazioni, sempre d’istinto, merita un plauso.

Rudiger, Napoli-Roma

Juventus-Fiorentina 3-1 (arbitro Orsato)

Al 2’ l’addizionale Damato invita Orsato a fischiare il rigore per la Fiorentina sul contatto Bernardeschi-Chiellini: gamba sinistra contro gamba sinistra, decisione condivisibile e difensore passibile di ammonizione per aver interrotto un’azione promettente.

Bernardeschi, Juventus-Fiorentina

Fiscale l’ammonizione di Pogba (anche se le proteste dei bianconeri, che accerchiano Orsato, non sono a prescindere giustificabili) in un contrasto con Borja Valero, ammonito a sua volta (giustamente) per un intervento in netto ritardo su Marchisio. Non viene vista una deviazione di Gonzalo che avrebbe comportato un corner per la Juventus, ma questa è un’inezia rispetto all’unica vera macchia del team arbitrale: all’82’ Borja Valero va dritto su Mandzukic in area senza guardare il pallone e allargando il gomito destro. Nessun dubbio sul rigore e il centrocampista, meritevole quantomeno del secondo giallo, viene graziato in quanto passibile di rosso per condotta violenta.

Borja Valero, Juventus-Fiorentina

Lazio-Sampdoria 1-1 (arbitro Calvarese)

Gara sempre tenuta in mano dal fischietto di Teramo. Il momento clou è il 92’, quando Berisha esce dall’area di rigore per fermare l’avanzata di Muriel: punizione e giallo il provvedimento nei confronti del secondo portiere biancoceleste. È opportuno ricordare i parametri che delineano, secondo la Regola 12, un’evidente opportunità di segnare una rete: la distanza tra il punto in cui è stata commessa l’infrazione e la porta; la probabilità di mantenere o entrare in possesso del pallone; la direzione dello sviluppo dell’azione di gioco; la posizione ed il numero dei difensori. In questo caso viene a mancare il possesso del pallone quindi il direttore di gara fa bene a non espellere Berisha. Dalla punizione seguente Zukanovic realizza il pareggio.