La svolta storica della Sezione AIA di Milano: gli arbitri si costruiscono la loro casa

23 Comments

Solo quelli che sono così folli da pensare di cambiare il mondo lo cambiano davvero” (Albert Einstein). Venerdì 11 dicembre 2015 la Sezione Arbitri di Milano ha cambiato il suo mondo, ha riscritto la sua storia con la folle ambizione di innalzare il prestigio della città e dell’AIA tutta. L’ha fatto a modo suo, con il sudore della fronte e con il lavoro dei suoi associati che hanno trasformato dei ruderi abbandonati, dei locali disastrati, nella Sezione più bella d’Europa per la categoria arbitrale.

Il Centro Sportivo Saini diventa così la nuova casa dei fischietti di Milano, città in cui l’Associazione Italiana Arbitri è nata 104 anni fa. Gli arbitri del capoluogo lombardo, all’incirca 630 unità per 9700 gare dirette a stagione, meritavano di essere proprietari della loro abitazione e non semplici affittuari: “La Lega Nazionale Dilettanti ha commesso un errore – spiega il presidente Marcello Nicchi in riferimento al cambio di sede da via Pitteri -. Ha stabilito che a una certa ora la Sezione dovesse chiudere. La casa degli arbitri deve sempre restare aperta”. Al Saini era presente la Diocesi Ambrosiana, il Comitato Nazionale dell’Associazione al gran completo, l’assessora allo sport Chiara Bisconti e tutte le cariche istituzionali che l’evento richiedeva. È la straordinaria vittoria di Luca Sarsano al termine della partita più appassionante della sua carriera: il giovane presidente dell’AIA Milano, quasi in lacrime, ha ringraziato coloro che l’hanno sostenuto in questa folle – nell’accezione più vicina allo “Stay hungry, stay foolish” di Steve Jobs – avventura. Il suo merito più grande è quello di aver costruito una squadra di uomini, prima che di direttori di gara, dimostrando che l’arbitraggio va ben al di là dell’andare in campo nel weekend per garantire la regolarità dei campionati: l’arbitro deve essere un esempio di lealtà, di spirito di sacrificio, di quella “rettitudine” che il Vescovo ausiliare Tremolada ha sottolineato nell’omelia della celebrazione che ha aperto la serata. Non potevano mancare i ringraziamenti ad Andrea Fanzago del Comune di Milano, alla stessa Chiara Bisconti, a chi ha dato il via ai lavori di ristrutturazione, dall’associato Stoilov al geometra Malaspina, al consiglio direttivo ma soprattutto a tutti quei ragazzi che, per la prima volta nella loro vita, hanno usato un pennello costruendo mattone dopo mattone una struttura che oggi può essere presa a modello. Con il taglio del nastro Milano ha aperto le porte dell’ex Sezione Umberto Meazza, fondatore dell’AIA, ribattezzata Meazza-Campanati, in onore dell’indimenticabile “Presidentissimo” Giulio Campanati. Nel cuore della nuova casa spicca un cortile dove è stata posizionata una pianta d’ulivo: “Una pianta fragile ma con delle radici forti. L’ulivo come metafora del dirigente che pianta il seme e attende con pazienza che l’albero cresca iniziando a dare i suoi frutti”, ha chiosato Alberto Zaroli, componente del Comitato Nazionale. Non era facile trovare dei locali idonei nel capoluogo lombardo considerate le risorse economiche a disposizione. Non era facile riuscirci in poco tempo dopo un invito non troppo implicito a cambiare aria. Gli arbitri di Milano ora possono anche vantare un polo di allenamento all’interno delle loro mura. Inizia così una nuova era per la Sezione Meazza-Campanati, chiamata a diventare un’eccellenza nel mondo dello sport nazionale. Tutti coloro che l’hanno creata si sono ritagliati un piccolo spazio nella sua storia e chi è stato arbitro può affermare con fierezza di sentirsi arbitro per sempre.